Obiettivi della Conferenza

Obiettivi della Conferenza

Primo: Affermare la reazione popolare Palestinese, Araba e internazionale al percorso di Madrid e Oslo, la dichiarazione del fallimento di questa catastrofica strada, dal cuore di Madrid, in Spagna, nel mese di ottobre 2021 e a rinnovare il rifiuto di sostenitori della Palestina, ovunque nel mondo, di tutti gli accordi e i trattati che minano i diritti del popolo Palestinese, dal coloniale “Dichiarazione di Balfour” per le ultime trattative che l’Autorità Palestinese ha concluso con lo stato Sionista. Li consideriamo tutti nulli, illegittimi e illegali. Di conseguenza, la partecipazione popolare palestinese, araba e internazionale è fondamentale per ottenere il contenuto democratico e popolare della conferenza e i suoi risultati. La partecipazione alla preparazione della conferenza e la garanzia dei suoi risultati sono responsabilità individuali e collettive.

Secondo: Chiarire la risposta politica alla fase attuale che ha stabilito questo sudetto percorso attraverso lo sviluppo serio di nuove alternative nazionali basate sul diritto del popolo palestinese di partecipare, in primo luogo per affrontare il percorso di resa e distruzione e la minaccia del triangolo reazionario nella regione (Camp David-Wadi Araba – Oslo) e tutti i loro risultati, compresi gli accordi conclusi dai regimi arabi con l’entità sionista, gli ultimi dei quali sono gli accordi di normalizzazione tra Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Sudan da un lato e l’entità sionista dall’altro, con il sostegno degli Stati Uniti.

Terzo: Liberare la voce delle masse palestinesi in Palestina e in esilio e diaspora, ripristinando il loro ruolo centrale nel movimento di liberazione nazionale e ripristinando il rispetto dell’unità delle basi del movimento nazionale palestinese in tutta la Palestina occupata e la diaspora. Solo un popolo libero può proteggere i propri diritti, ripristinare le istituzioni e le risorse dirottate e liberare la propria patria dal colonialismo. Il popolo palestinese in diaspora, che ha subito le devastazioni dello spostamento e la continua Nakba, è ancora in grado di ripristinare di nuovo la bussola nazionale in una direzione puntata ancora una volta verso tutta la Palestina e tutti i diritti del suo popolo.

Quarto: Costruire ponti di lotta comune con le masse palestinesi in tutta la patria occupata e assumere una responsabilità nazionale per rafforzare la loro resistenza e fermezza di fronte alle atrocità dell’occupazione sionista e dei suoi piani coloniali per tutta la Palestina occupata. La missione storica dei palestinesi in esilio e diaspora, dal 1948, è stata quella di lanciare la rivoluzione popolare palestinese, costruire le loro istituzioni nazionali e assumersi la responsabilità di difendere tutte le classi popolari palestinesi impoverite, emarginate e sfruttate, specialmente nei campi e nelle aree di miseria, dentro e fuori la Palestina.

Quinto: Ripristinare l’incubatore popolare arabo per la causa palestinese, con il suo ruolo storico e la sua responsabilità nazionale e umana nei confronti della Palestina come causa centrale dei popoli arabi, tenendo presente che il raggiungimento di vittorie nazionali e sociali nei paesi arabi alimenta inevitabilmente il corso del progetto di liberazione e del ritorno in Palestina.

Sesto: Aderendo alle conquiste del popolo palestinese a livello globale e alla citazione storica dello scrittore, leader e martire, Ghassan Kanafani: “La Palestina oggi non è una causa solo per i palestinesi, ma la causa di ogni rivoluzionario, e la causa delle masse oppresse e sfruttate della nostra era.”I movimenti popolari del mondo sostengono i diritti palestinesi e vedono il movimento di liberazione palestinese come parte integrante della lotta dei movimenti di liberazione globale contro l’imperialismo, il sionismo, il razzismo e tutti i sistemi di sfruttamento.

Settimo: Lanciare un movimento popolare unificato e un quadro organizzato (il Consiglio delle organizzazioni e delle istituzioni palestinesi) per essere in grado di guidare le masse del nostro popolo, difendere i nostri diritti nazionali e umani, liberare il potenziale del nostro popolo palestinese, in particolare le giovani generazioni, e rafforzare la loro posizione di leadership decisiva nella prossima fase di lotta.

Compilare il modulo sottostante per contattarci.

Share
Tweet
WhatsApp
Telegram
Vibe
Share
Email
Print